Carte geografiche murali Belletti

Carte geografiche per conoscere i territori

Le carte geografiche sono un elemento indispensabile in ogni aula scolastica di ordine e grado, per fare conoscere il proprio paese e quelli esteri agli alunni.

Tra queste le Carte geografiche murali Belletti sono tra le più note.

L’azienda

L’azienda Belletti è specializzata nella produzione e nella vendita di editoria cartografica.

Ha iniziato nel 1983 pubblicando una collana di carte nautiche turistiche e dei volumi con informazioni turistiche e naturalistiche di alcuni itinerari nel nord Italia.

Negli anni seguenti poi produce altre collane cartografiche stradali, di città, e cartografia da ufficio (come carte da parete e gigantografie).

In seguito ha sviluppato prodotti di cartografia didattica per geografia, storia e scienza per la scuola, e atlanti tematici, con carte geografiche unite a schede informative ideate sopratutto per chi viaggia.

Oggi la sua produzione asseconda le esigenze di un mercato vasto e molteplice, dove le carte geografiche servono per studio, per lavoro o per svago.

Le carte murali

Le Carte geografiche murali Belletti come del resto tutte le altre carte della Belletti, sono carte molto leggibili, chiare, aggiornate in tempo reale su eventuali cambiamenti politici e territoriali, con la corretta toponomastica linguistica.

Le carte murali di distinguono per la rappresentazione più grande di un territorio, in scala magari 1:43.000.000 per rappresentare tutto il mondo, oppure con scala 1:30.000.000 dove si può vedere nel planisfero politico anche la suddivisione degli stati, le principali città e capitali, sul retro vi sono le bandiere e l’indice dei nomi.

La cornice delle carte è nera, con astine di sostegno, e la superficie plastificata e lucida, antiriflesso.

A volte le carte geografiche vengono anche prodotte con superficie magnetica, per potere meglio indicare dove si trova un luogo o un paese, lasciandovi sopra un apposito magnete.

Vengono appese alla parete con un gancio in plastica che si trova sulla loro parte posteriore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *